info
about me

Io sono proprio così

frasi a caso

alea iacta est, alea iacta ovest

— Giulio Cesare (indicando due direzioni, nei pressi del Rubicone)
feedz

rss post
rss commenti

 

ranking


antipixl

scarica wordpress

contattami

mail me
Chiamami con Skype

blog
ultimi commenti
  • naltro: mannaggia che piangerone
  • degra: scusa la risposta in ritardo :) no, non sono un professionista di...
  • V: Tieni corsi professionali su wp? Grazie Valentina
  • degra: Dopo i vari problemi col blog, finalmente ho ricaricato i file audio...
  • Massimo: ciao, ti prego, ti scongiuro, sono anni che vorrei riascoltare...

ultimi trackback

categorie
passato
cerca

stat

MyPagerank


Ci sono momenti in cui si vorrebbe essere donna

E aver a che fare solo con donne.

E quei momenti sono quelli in cui si deve fare/ricevere un regalo.

Che l’uomo non abbia fantasia è più che risaputo, nemmeno quando si tratta di scegliere cose “da uomo” (leggi tecnologiche o meccaniche), figurarsi quando la scelta è legata ad un regalo per un altro uomo.

Le cose si complicano ulteriormente, perchè le donne, oltre a saper *sempre* cosa regalare, sanno anche *sempre* accettare un regalo del cazzo. Cioè sono dotate della proverbiale faccia di culo (conosco solo una che è riuscita a dire in faccia ad un’amica che il completino intimo leopardato che le aveva regalato era un po’ “da troia” e lo ha rifiutato), grazie alla quale riescono a mostrarsi entusiaste anche quando ricevono in regalo un nano da giardino identico agli altri 16 già ricevuti negli ultimi natalipasquecompleanniecc con la scusa che “tanto fai la collezione di nani, no?”.

Ecco, quella stessa faccia di culo che all’uomo manca (in quel campo), e non lo salva dalla figura classica di fare grossolane finte nel ricevere un regalo, o malcelata sfiducia nel farlo.

Forse il segreto sta nel regalare qualcosa che, per primi, piace a noi. Oppure nel farci piacere ciò che regaliamo. che è più o meno la stessa cosa.

Sta di fatto che il regalo fatto da uomo a uomo è difficile.

Innanzitutto non si può prendere un profumino, una cremina, un incenso (che già non sappiamo come/dove/quando si comprano), perchè nessuno di noi lo vorrebbe, ed è un regalo “da donna” (leggi: accettato solo se te lo regala una donna, e la violenza non è contemplata). Per gli altri tipi di regali vale il solito “postulato del regalo di compleanno”: se una cosa che gli serve, ci avrà pensato/penserà da solo, se non ce l’ha già è perchè non sa cosa farsene.

Sì, però i compleanni esistono comunque.

Quindi cosa regalare (all’ultimo momento, come sempre), che sia gradito e metta entrambi al sicuro da scene imbarazzanti?

Si è pensato al “regalo tecnologico” ma il postulato, qui, si applica benissimo (forse è l’applicazione migliore), togliendo ogni spazio alla fantasia.

Allora subentra il regalo “spiritoso”: tristezza a palate.

Si scarta a priori il regalo spiritoso da sexy shop (non abbiamo più 17 anni), e si passa al successivo: il regalo tecnologico/informatico spiritoso.

Peccato che il “regalando” abbia un Mac, e non è che le cazzatine che si possono trovare per un PC si trovino altrettanto facilmente per un Mac (che, tra parentesi, essendoci oltretutto, non ho nemmeno idea di dove si possa comprare un Mac, chè non ne ho mai visto in vendita).
Per cui l’impresa è sempre più ardua, e io sto perdendo tempo a scrivere questo post, invece di girare per i vari centri commerciali a cercare qualcosa di compleanno-compatibile, piacevolmente inutile e marginalmente brutto, degno di nota, ma accettabilmente tollerabile.

Cioè un cazzillo tecnologico, economico, dall’utilità e bellezza non pervenute, ma che sia simpatico e possa piacere, senza essere banale e scontato.

Ecco, magari avendo un mese di tempo su internet lo trovo (almeno su ebay, anche usato, alla voce cazzilli e affini), ma in qualche ora (che poi devo lavarmi, sbarbarmi, prepararmi e raggiungere la meta) in giro al Bennet, dubito seriamente di trovare anche una qualsiasi cosa che non abbia nessuna delle caratteristiche sopra citate.

Però se voglio cremine, incensi ed essenze profumate, confezioni di “roba per lavarsi”, lì c’è da sbizzarrirsi.

Altro motivo per essere donne almeno un giorno all’anno: il compleanno.

Edit delle 18.24: dopo aver girato 5 tra centri commerciali e centri di informatica, ho trovato un telefono VoIP, speriamo in bene: è impossibile trovare accessori per Mac o cose compatibili con il Mac.


Se questo argomento ti interessa puoi provare...

So long... Tuesday 10 March 2015

Google Calendar e GoogaSync: la cura definitiva per l'amnesia (o almeno ci si prova) Friday 23 October 2009

Veggenza Thursday 3 September 2009

Buone notizie, ma anche no Wednesday 5 August 2009

Tornare indietro di dodici anni, quasi tredici Sunday 26 July 2009

  

Social

twitta il post condividi su Facebook

ci sono 4 commenti per "Ci sono momenti in cui si vorrebbe essere donna"

  1. GaBeL ITALY scrive:
    usando Internet Explorer Internet Explorer 6.0 su Windows Windows XP

    Hai fatto un miracolo, degra, andava benissimo!! GRANDE!
    GaBeL

  2. degra ITALY scrive:
    usando Flock Flock 0.7.14 su Windows Windows XP

    eh, per una volta la memoria mi ha aiutato: l’altro sabato si era proprio parlato di Skype e del fatto che dovesse acquistare un po’ di credito. Non so come ha fatto a venirmi in mente, mentre ero già in piedi sul ponte con la pietra al collo per l’imminente suicidio :mrgreen:

  3. usando Internet Explorer Internet Explorer 6.0 su Windows Windows XP

    Per evitarmi rotture di questo tipo ho smesso di fare regali 😉
    P.S.: pensavo che la parola “cazzillo” la usassimo solo noi napoletani, che fosse una roba creata dal dialetto…e invece scopro di no…noi la usiamo anche per le persone, per indicare persone di modesto valore…

  4. degra ITALY scrive:
    usando Flock Flock 0.7.14 su Windows Windows XP

    eh, a chi lo dici! anche io ero abituato a non fare/ricevere regali, perchè c’era il tacito accordo di non festeggiare nulla. Però se un amico fa la festa (o ti obbligano a farla, come succede a me), non ci si può presentare a mani vuote.

    Il cazzillo credo sia di sicura provenienza napoletana, importato, ma non so da chi…