info
about me

Io sono proprio così

frasi a caso

alea iacta est, alea iacta ovest

— Giulio Cesare (indicando due direzioni, nei pressi del Rubicone)
feedz

rss post
rss commenti

 

ranking


antipixl

scarica wordpress

contattami

mail me
Chiamami con Skype

blog
ultimi commenti
  • naltro: mannaggia che piangerone
  • degra: scusa la risposta in ritardo :) no, non sono un professionista di...
  • V: Tieni corsi professionali su wp? Grazie Valentina
  • degra: Dopo i vari problemi col blog, finalmente ho ricaricato i file audio...
  • Massimo: ciao, ti prego, ti scongiuro, sono anni che vorrei riascoltare...

ultimi trackback

categorie
passato
cerca

stat

MyPagerank


Che bello il razzismo fintobuonista!

Si dice che il nostro sia un paese civile, e da un bel po’ di tempo.

Si dice che l'”occidente” (che poi è un’entità relativa: tutto ha un oriente e un occidente) sia civile, moderno, tollerante, culturalmente avanzato, in una parola – brutta, peraltro – : tollerante.

Ma poi succedono cose.

Succedono sempre delle cose.

Ma alcune cose sono più gravi, anche se, a prima vista, sembrano molto simili.

Mi riferisco, ovviamente, ai fatti di cronaca nera che infestano la nostra informazione.

Utilità dell’infestazione a parte, visto che voglio parlar d’altro.

Succede che due persone, su due veicoli di dimensioni notevoli, appannati da un tantino di alcol, causino due incidenti stradali.

Cose che succedono ovunque.

Capita che in quegli incidenti muoiano rispettivamente 4 e 3 persone.

Purtroppo sono cose che succedono anche senza alcol in circolo.

Sfiga vuol che, al contrario, il cosiddetto “pirata” si salvi, in entrambi i casi.

E cosa succede?

Qui sta la differenza: uno va in galera, condannato a 6 anni per omicidio colposo; l’altro è solamente indagato per lo stesso reato, ma a “piede libero”.

Non solo: al primo viene bruciata la “casa” e vengono indette manifestazioni e fiaccolate, al secondo non succede nulla (al momento in cui scrivo, per lo meno).

Che differenza c’è, allora tra i due?

Semplice: uno è un Rom, l’altro è un cittadino italiano, residente nel Nordest (e con il SUV, oltretutto).

E pare poco?

Stessa cosa, ma casi diversi.

Succede che una donna che ritorna a casa con la spesa venga aggredita ed uccisa praticamente senza motivo.

Succede che un’altra donna venga rapita, uccisa, tagliata a pezzi assolutamente senza motivo.

Per il primo caso si mobilita l’intera nazione, politici in testa, perchè è chiaro che non c’è sicurezza in Italia: nel 2007 succedono ancora di queste cose, vergogna!

Addirittura il governo, seguendo pecorecciamente l’onda dell’emozione (per fortuna io sono rimasto all’asciutto da questo tsunami emozionale), vara un “decreto sicurezza” peraltro farraginoso ed inutile, come si è pochi giorni fa scoperto.

Nell’altro caso, nulla.

Il colpevole è stato preso una decina di giorni dopo, ha praticamente confessato, e finirà tutto lì.

Non una candela accesa per sbaglio, non un politico che si straccia le vesti per la mancanza strutturale di sicurezza, nemmeno un manifestazione razzista, o una scritta xenofoba, nulla.

Che differenza c’è, allora tra i due casi?

Semplice: il colpevole del primo delitto è un romeno (pure Rom), il colpevole del secondo è un cittadino italiano residente nel Nordest (l’attenuante è che non ha il SUV).

Se è vero che due indizi fanno una prova, sembrerebbe quasi che la gravità di un reato si decida in base alla nazionalità del reo.

Ed è inutile citare i vari amazzamenti famigliari che, in prima istanza, vengono subito attribuiti a qualche non meglio identificato extracomunitario.

O le solite “piste romene” da seguire, o i soliti “accenti slavi” che pare tutti i malfattori debbano avere di default (basta andare nel pannello di controllo per cambiare accento a piacere).

Ora mi aspetto solo che, al prossimo caso, la doverosa (e parecchio inutile) fiaccolata finisca direttamente in una piazza dove sta legato il colpevole (presunto no, se non è italiano!), seduto su una pira, e gli si dia fuoco in diretta.

Mi immagino l’audience!

E pure i commenti a caldo… nel vero senso della parola!

Il bello è che, poi, uno è razzista se dice “negro” invece di “nero”: il colmo dell’ipocrisia.

Invece usare i classici due pesi, con le due debite misure tra stranieri e italici, è cosa buona e giusta.

Infatti se ci ammazza un italiano, a maggior ragione se nostro parente, non ce la prendiamo più di tanto per il problema sicurezza.

Sono gli stranieri che, invece, se ci ammazzano ci fanno incazzare: come si permettono? chi li ha chiamati?

Vengono qui a rubare il lavoro anche ai pirati della strada, omicidi, tagliacadaveri, stuprabambini, ammazzavecchiette italiani che già fanno fatica a sbarcare il lunario!

Sapete cosa vi dico (visto che è Natale e sono tutto più buono)?

Ma andate a fanculo, va!

Voi, la vostra sicurezza, il vostro Nordest e il vostro SUV!


Se questo argomento ti interessa puoi provare...

Il mio hosting è differente* Saturday 11 April 2009

Ipocrisia strisciante Saturday 5 January 2008

I mostri vanno mostrati? Thursday 1 November 2007

Pesca di tonni Thursday 5 July 2007

Perchè non mi stupisco? Thursday 31 May 2007

  

Social

twitta il post condividi su Facebook

ci sono 2 commenti per "Che bello il razzismo fintobuonista!"

  1. iSo scrive:
    usando Mozilla Firefox Mozilla Firefox 2.0.0.11 su Windows Windows XP

    Gran post, ora si cheti riconosco!

  2. degra scrive:
    usando Flock Flock 1.0.3 su Windows Windows XP

    hehehehe
    il più classico dei degra incazzati 😛