info
about me

Io sono proprio così

frasi a caso

non c’è pesce senza spine

— saggezza popolare
feedz

rss post
rss commenti

 

ranking


antipixl

scarica wordpress

contattami

mail me
Chiamami con Skype

blog
ultimi commenti
  • naltro: mannaggia che piangerone
  • degra: scusa la risposta in ritardo :) no, non sono un professionista di...
  • V: Tieni corsi professionali su wp? Grazie Valentina
  • degra: Dopo i vari problemi col blog, finalmente ho ricaricato i file audio...
  • Massimo: ciao, ti prego, ti scongiuro, sono anni che vorrei riascoltare...

ultimi trackback

categorie
passato
cerca

stat

MyPagerank


Windows 7: Windows explorer e le raccolte

Una delle novità di Win7 è l’introduzione delle “raccolte” (libraries), ovvero cartelle virtuali (documenti, immagini, musica, video) predefinite che non solo vengono usate dal sistema come percorsi predefiniti di salvataggio dei file, ma possono anche contenere collegamenti a cartelle reali su disco. In questo modo, più cartelle possono essere aperte direttamente con un clic solo e mettere a disposizione dell’utente tutti i file che sono archiviati logicamente sotto la stessa categoria.

Questo nuovo modo di organizzare il contenuto del PC pare essere apprezzato dalla maggioranza degli utenti, a leggere nei vari forum. Però c’è una minoranza non molto silenziosa e parecchio sfanculata da tutti che proprio non digerisce la novità.

Io sono tra questi: non vedo la necessità delle cartelle virtuali (probabilmente non capirò mai a cosa servono) e, quindi, non ho un uso per questa funzione.

Ecco, come spesso viene risposto nei vari forum: se una funzione non ti serve, non usarla, ma averla lì male non fa.

No, male non fa. Però il fatto di non poterla disabilitare e ritornare al vecchio windows explorer non è contemplata dal sistema.

E questo è male.

Soprattutto perché ogni volta che si apre una finestra di windows explorer, compaiono le “raccolte”. Anche se non si usano.

Trovando fastidiosa la cosa, come tanti altri, ho fatto una breve ricerca e ho trovato che per rimettere le cose a posto è possibile far puntare direttamente windows explorer alla cartella “documenti”, ovvero al default di XP e Vista.

Per far ciò bisogna andare nelle proprietà del collegamento (che sia nella taskbar o nel menu start, non fa differenza) e sostituire al percorso originale la stringa

%SystemRoot%\explorer.exe /n,::{450D8FBA-AD25-11D0-98A8-0800361B1103}

e, come per magilla, windows explorer si aprirà “come una volta”, con buona pace di chi ama le classificazioni decise “dall’alto”.

Per fare una cosa pulita, poi, ho anche disattivato l’impostazione che permette di cercare automaticamente il testo digitato. Così è molto più semplice trovare un file all’interno di una cartella, piuttosto di dover fare la ricerca completa.

  

Social

twitta il post condividi su Facebook

un commento per "Windows 7: Windows explorer e le raccolte"

  1. alberto ITALY scrive:
    usando Internet Explorer Internet Explorer 8.0 su Windows Windows 7

    Grazie, mi hai risolto un problema.