info
about me

Io sono proprio così

frasi a caso

ok, cervello, io non piaccio a te e tu non piaci a me…

— Homer J. Simpson
feedz

rss post
rss commenti

 

ranking


antipixl

scarica wordpress

contattami

mail me
Chiamami con Skype

blog
ultimi commenti
  • naltro: mannaggia che piangerone
  • degra: scusa la risposta in ritardo :) no, non sono un professionista di...
  • V: Tieni corsi professionali su wp? Grazie Valentina
  • degra: Dopo i vari problemi col blog, finalmente ho ricaricato i file audio...
  • Massimo: ciao, ti prego, ti scongiuro, sono anni che vorrei riascoltare...

ultimi trackback

categorie
passato
cerca

stat

MyPagerank


Alè

Come tutti già sapranno l’Inter ha vinto il quindicesimo scudetto con cinque giornate di anticipo e (ab)battendo alcuni record.

Come mai ne dò notizia solo oggi?

Non saprei dire.

Però non ho gioito più di tanto, anzi, proprio per niente.

Non che non mi faccia piacere, intendiamoci, però le cose che mi fanno gioire sono quelle inaspettate, e penso che la vittoria dell’Inter fosse una delle cose meno inaspettate che si possano pensare. Anche per chi il calcio non lo segue.

Cioè, il campionato è stato ammazzato, e i punti di distacco sulla Roma sono imbarazzanti, quasi da vergognarsi di aver vinto un campionato con così tanta differenza sulle altre.

Io sarò un tifoso “sui generis” (forse perchè non sono un tifoso), ma a me piacciono le vittorie sul filo di lana, ai rigori, con pochi punti di distacco, le lotte all’ultimo punto che fanno sudare freddo, non quelle annunciate.

Certo, è una vittoria assolutamente meritata, e l’abisso che divide l’Inter dalle altre squadre lo dimostra, dimostra anche che con il calcio un po’ più pulito (di poco, magari, ma lo è!) vince chi investe, e la proverbiale sfiga nerazzurra non era poi così tale.

Il coro-simbolo di questo scudetto, e nessun altro potrà appropriarsene è: “Senza rubare, vinciamo senza rubare”.

Ecco, sentire quello mi ha fatto piacere, mi ha fatto ripensare con un brividino (quello stesso che ha accompagnato in porta l’ultimo rigore della finale mondiale) a quel rigore negato a Ronaldo nel ’98 che, per me, ha rappresentato per anni il ladrume Moggesco (prima di conoscere il contenuto delle intercettazioni, ovviamente).

Sì, anche sentire l’intervista a caldo al Presidente, quando dice che lo scudetto dell’anno scorso (vinto “a tavolino” dopo la squalifica di Juventus e Milan, ndP) è stata una delle più belle vittorie perchè è il simbolo di chi gioca onestamente, mi ha fatto altrettanto piacere.

Anche vincere tutti e due i derby (cosa veramente storica) è stato godurioso.

Ecco, forse, in fondo, mi manca una cosa per avere uno scudetto di cui gioire veramente: ottenerlo ai danni della Juve, che quest’anno non si è fatta vedere. Non so dove fosse impegnata…

Ma, ripensandoci, quest’anno ognuno era al suo posto, chi in B, chi un po’ penalizzato, e questo scudetto sta bene dove sta.

Forza Inter!

Ovviamente il fatto di aver infranto vari record prelude al fatto che, forse, per altri 18 anni si starà a guardare, ma chissenefrega!


Se questo argomento ti interessa puoi provare...

Alla fine non ce l'ha fatta... Sunday 18 May 2008

E anche il 2006 se ne va... Sunday 31 December 2006

Un attimo di attenzione... Monday 18 December 2006

Siamo noi, siamo noi... Wednesday 26 July 2006

Un po' di tutto Thursday 20 July 2006

  

Social

twitta il post condividi su Facebook

I commenti sono chiusi.